FINISSAGE TU6 DI FRANCO MARTELLI ROSSI

Franco Martelli Rossi conclude la sua mostra TU6 CORRISPONDENZE SULLA LAMIERA con il  FINISSAGE di Venerdi 11 novembre 2016, ore 18.30, presso MAKE spazio espositivo, Palazzo Manin, Via Manin 6/A, Udine.
www.makepalazzomanin.it

La mostra rimarrà aperta fino al 13 novembre 2016.

Si tratta, in realtà, di una serie di ritratti multipli, stampati in grande formato, realizzati all'interno delle autovetture a 6 fotografi: Riccardo Toffoletti, Stefano Tubaro, Alberto Di Giusto, Paolo Sacco, Sandro Antoniolli e Guido Cecere. Con questo lavoro l'autore intende arricchire un percorso di intima scrittura sviluppato sul mondo delle macchine, iniziato nel 1983 con LONG VEHICLE il cui libro, curato da Lanfranco Colombo, celebre direttore della Galleria "Il Diaframma" di Milano, è stato pubblicato nelle Edizioni Campanotto nel 1991.

AUTOritratti, è l'ultima stanza di una autofficina. Nasce nel 2000, dall'idea di affrontare una complessità di aspetti  e rappresentare il tutto con espressione semplice e lineare. La scelta del titolo, oltre a testimoniare continuità con la precedente ricerca, vuole esprimere un'ambiguità insita nel progetto: l'autoritratto è, in genere la visione di se stessi e, il più delle volte, la celebrazione visiva della propria fisionomia. Ma, i volti di persone ritratte dentro le automobili, perché non possiamo chiamarli AUTOritratti? Tanto più se queste persone, che mi piace definire padri/fratelli, hanno avuto una grande importanza sul mio fotografare e sul mio vivere, diventando, con il loro passaggio, parte di me stesso. I loro volti sono impressi nel mio sguardo e nella mia mente, esprimono dei compagni vitali che sono passati su di me e che mi hanno modificato: osservando i loro lineamenti, dialogo con me stesso e mi racconto. E poi, sono tutti fotografi. Fotografi che guardano attraverso il vetro, o al finestrino aperto, oppure nel riflesso della carrozzeria, cercando di osservare oltre i limiti che l'automobile impone. Con loro c'è corrispondenza. E tutti sono miei complici in un amore condiviso: la fotografia.