MAURO NORI

MAURO NORI

WATER LANDSCAPES

Location [ 8]: Piazza Vittorio Veneto 1 Magliano Sabina RI

Mauro Nori Centrale idroelettrica di Recentino a Stifone di Narni Mostre Diffuse Fotografia 2019L’acqua oltre a segnare in
modo naturale
il paesaggio, ha generato
infrastrutture, architetture e
grandi opere di ingegneria,
soffermarsi fotograficamente
sulle chiodature, sulle pietre e
sulle lamiere di acciaio ossidate,
è stata l’occasione per scoprire
uno dei suoi innumerevoli aspetti.

BIOGRAFIA

Sono interessato alla potenzialità del linguaggio dell’immagine e sono convinto che la fotografia al pari delle altre forme di comunicazione, sia di immediata comprensione da una platea vastissima. La fotografia e il racconto fotografico espletato attraverso una serie di immagini capaci di narrare è sempre molto efficace.

Mauro Nori nasce a Terni nel 1955.
Vive a Narni, dove coltiva la passione per la fotografia.
Ha compiuto studi artistici a Terni formandosi alla scuola di pittori come Giuseppe Sciaccaluga e Luciano Capetti e di scultori come Umbro Battaglini.

Inizia a fotografare negli anni ’70 stampando in proprio fotografie in bianco e nero.
Ha frequentato Workshop di Fotografia di Scena e Jazz con Andrea Boccalini e di reportage con Tano D’Amico.

E’ uno dei membri fondatori dell’Associazione Culturale “Sator” di Narni insieme a Roberto Pileri e Stefano Rossini. Con l’Associazione si propone di divulgare la cultura fotografica organizzando iniziative rivolte alla fotografia sotto tutti gli aspetti e organizzando “Narni immaginaria” un festival di fotografia che si svolge nella città umbra in estate.

Ha collaborato con l’Ente Corsa all’Anello di Narni realizzando mostre sulla Festa. Partecipa alla rassegna d’Arte “Tracce” a Narni dal 2010 ed è interessato alla fotografia in tutti i suoi aspetti compresi quelli legati alla realtà del proprio territorio.
E’ iscritto alla FIAF e partecipa a iniziative fotografiche in tutta Italia.
Ha prodotto diversi lavori fotografici aderendo ai laboratori a tema proposti dalla FIAF, esposti poi nella Galleria FIAF di Palazzo della Penna a Perugia ed in altre gallerie.